Usare WordPress come un sito statico

La storia è quella di un pigro webmaster e della sua sfida per costruire un semplice sito web che ognuno dei suoi occupatissimi clienti potesse gestire da solo.

Blog? aggiornamenti? community e social news? Macchè: il cliente vuole un mini sito ottimizzato per qualche parola chiave, e facile da aggiornare!

Non siete stanchi anche voi di modificare pagine con DreamWeaver e caricarle con ftp ogni volta che che qualcuno vuole cambiare una parola nella terza frase del quarto paragrafo della pagina “chi siamo”???

Beh WordPress ha un sistema molto semplice per gestire le pagine, basta decidere di usarlo… ecco come…

 

Scegliere un tema e togliere i file inutili

Prima di tutto devi decidere il design: difficile che tra le centinaia di migliaia di temi wordpress non ce ne sia uno adatto. Scegli quello che il cliente preferisce ed eventualmente adattalo alle esigenze. Io in questi casi scelgo sempre temi di un certo livello, per non avere sorprese, ma tu fai come credi.

Una volta che ne hai scelto uno devi sbarazzarti di tutte le pagine inutili. Cancella tutti i file php tranne header, footer, page e sidebar (se c’è). Per il momento tieni anche il file search. A questo punto rinomina page.php in index.php.

Ora ti sei liberato di tanti file inutili, ma ancora le pagine di template hanno al loro interno tanti elementi inutilmente legati al mondo dei blog: trackbacks, commenti e tutti le informazioni “meta”: data, ora, autore, e così via. Cancellali tutti.

Spesso li trovi dentro a marcatori html <div> chiamati “postmetadata” o “postmeta” o qualcosa del genere.
In sostanza cerca i div che contengono le istruzioni the_time, the_author, the_tags, the_category, comments_popup_links e così via.
Tutto quello che dovrebbe servirti in questo template è probabilmente the_post e the_title. Dico davvero!

Ripulire header.php e footer.php

Ora prendiamoci cura dei file di header e di footer. Nella sezione <head> cancella pure le righe che contengono i link ai feed rss(link) (rss2_url) e all’url dei pingback (pingback_url). Allo stesso modo, nel footer, cancella ogni link a feed rss(link), e se ti va, ogni riferimento a wordpress ecc… E anche qui abbiamo finito…

La sidebar.php, per gli amici Barra Laterale

Una volta arrivati alla sidebar, è il momento di prendere alcune decisioni, in base alle tue necessità e al tema che stai usando.

Prima di tutto: la sidebar è predisposta per i widget (che sono quei box di contenuto, testo, ecc. che puoi gestire dalla Bacheca senza modificare il tema di wordpress)?
Se non li supporta, beh… fai in modo che lo faccia (le istruzioni sono qui, sono in inglese, ma vedrai che con un po’ di buona volontà e di copia-incolla ce la fai benissimo).
Hai cancellato il file functions.php poco fa? Peccato, vallo a recuperare nel cestino perchè ti serve per abilitare i widget…

Ora che la Barra Laterale supporta i widget puoi andare in Bacheca, Aspetto -> Temi e aggiungere i widget che vuoi. Non sbatterci dentro di tutto, dai! le statistiche di Akismet, per esempio, a cosa ti serviranno mai???

La Ricerca

Ed eccoci al campo per la Ricerca. WordPress non effettua la ricerca nelle pagine, ma solo nei post (e noi non stiamo usando i post, te ne sei accorto vero?).
Perchè non lo faccia non me lo chiedere, non lo fa, punto. Per estendere la ricerca alle pagine ti serve un plugin come Search Everything. Ma prima di correre a scaricarlo, pensa se ti serve una funzione di ricerca o no.
Se il tuo sito ha alcune dozzine di pagine allora ti serve qualcosa per cercare lì dentro , ma in caso contrario la tua navigazione è già a prova di bomba.
In base alla decisione se usare la ricerca o no, tieni il file search.php, e se lo tieni non dimenticarti di togliere dalla pagina dei risultati tutte quelle “meta-cose” di cui abbiamo parlato prima .

contattaci

Ti servirà una contact form, un modulo di contatto… cosa è un sito statico senza una contact form?
Per questo puoi usare uno dei tanti plugin che ci sono proprio per questa funzione, se vuoi andare sulla “Ferrari” dei moduli di contatto usa cforms II, ma puoi usare anche qualcosa di più semplice.

Ritocchi finali

Il tuo tema “statico” ormai è pronto, ma prima togli un po’ di avanzi dal file css: tutti quei div e quelle classi ormai non corrispondono più a niente e non c’è bisogno di lasciarle lì, a meno che… a meno che togliendole tu non combini dei pasticci, nel qual caso… meglio lasciare perdere…

Ed infine, se vuoi far editare le pagine direttamente a qualcun altro, ricordati che non è una buona idea lasciarlo vagare per l’amministrazione di WordPress. Non si può mai dire cosa potrà distruggere e quanti altri disastri combinerà.
E’ a questo punto che ci viene in aiuto il comodissimo plugin Ryan’s simple CMS.
Installalo, crea un utente Editor e questo entrando troverà un semplicissimo pannello di controllo in cui può solo scrivere pagine.
Così non continuerà a scrivere post meravigliandosi che le nuove pagine non appaiano nel sito e così via.

Mentre sei dalle parti di Ryan puoi provare anche il suo tema wordpress Simple CMS, fatto per lo stesso scopo, che contiene anche una funzione di menu piuttosto carina…

E prima di concludere, non dimenticare di impostare una pagina come front page del sito… questo lo sai fare, no? Bacheca -> Opzioni -> Lettura e…

…il gioco è fatto!

 

Articolo prelevato da WordPressMania

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CommentLuv badge

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: